UNA STRATEGIA CHE TI AIUTERA’ A SENTIRTI PIU’ LIBERA/O E IN ARMONIA CON TE STESSA/O: FARE CIO’ CHE E


Alcuni mesi fa, ho fatto una scelta radicale: dopo 12 anni, ho dato le mie dimissioni. E’ stato un evento molto traumatico, che ha fatto emergere in me molte paure, blocchi e fragilità. Ci pensavo da tempo, sentivo dentro di me che ormai avevo dato tutto e che lì il mio lavoro era finito, ma non riuscivo a prendere la decisione. Ora per un motivo, ora per un altro c’era sempre qualcosa che non mi permetteva di fare questo passo. Ero bravissimo a raccontarmi tante giustificazioni, ero straordinariamente bravo a fare la vittima.

Mi dicevo:

- “non è facile”;

- “di questi tempi chi te lo fa fare”;

- “aspetta un altro po’, quest’anno già ne hai passate tante. Vuoi aggiungere un altro carico da novata?”.

Tutti questi pensieri, che in un primo momento credevo mi proteggessero, alla fine ho capito che erano solo delle catene che mi rendevano schiavo, che mi rinchiudevano in una prigione da me stesso costruita, dove mi sentivo triste, arrabbiato, deluso, infelice.


Avevo bisogno di stare con me stesso, di ascoltarmi in maniera profonda e attenta e così ho deciso di intensificare le sessioni di meditazione e yoga, di praticare il silenzio e soprattutto di dedicare tempo alla scrittura e alla lettura. Ed è proprio in un libro che ho letto una frase, che mi ha fatto fare quel “salto” che avevo bisogno.

C’era scritto: “nella vita è necessario fare ciò che giusto, non ciò che è facile”.

E’ stato un pugno nella pancia, una botta tremenda, che mi ha lasciato quasi senza fiato per alcuni secondi.

Non avevo mai pensato a qualcosa del genere. In effetti, mi hanno sempre insegnato di scegliere sempre le cose semplici. Ci riempiono la testa di “scorciatoie” per ottenere le cose che vogliamo, ma non ci dicono di fare ciò che giusto. Quello no. Perché?

Perché fare ciò che è giusto significa fare ciò che sentiamo coerente con i nostri valori più profondi, significa impegnarsi per creare la vita che si vuole, significare creare la propria felicità.

Ma a differenza delle cose semplici, fare ciò che è giusto necessita di tutto il nostro impegno, di tanta dedizione, di tantissimo amore per sé ma anche per gli altri, perché se saremo felici noi lo saranno anche le persone che amiamo e che ci sono vicine.


Ma come mi scrivono o mi riferiscono diversi familiari che seguo, o colleghi oppure amici: non è facile!

Lo so. E’ molto difficile.

Nonostante questo, ogni volta che mi trovo davanti ad una nuova sfida, che mi mette ansia, e che appesantisce il mio cuore, mi faccio sempre questa domanda: vuoi fare ciò che è semplice ed essere triste e deluso oppure vuoi fare ciò che è giusto e costruire la tua felicità?


Io ho scelto…

Voglio essere “quotidianamente” felice, cioè voglio essere coerente con i miei valori profondi anche nelle piccolissime cose della mia vita.

E sento che questo mi sta donando serenità e gioia nel cuore.



0 visualizzazioni0 commenti