top of page

❌SE TI CAPITA DI ALZARE LA VOCE CON L’AMMALATO E DI RIMUGINARCI SOPRA TUTTA LA GIORNATA…


(questo post è per te)


Giornata tipo, di diversi anni fa, nel Reparto Speciale Demenze in cui ho lavorato per più di 10 anni

.

Pazienti che gridavano da una parte, alcuni che bisticciavano tra loro da un’altra. Uno o due in giardino con il wandering, altri invece che facevano i loro bisogni in corridoio… ecc. ecc. ecc.

.

Alcuni giorni, ne uscivo stremavo, logorato, arrabbiato e frustrato

.

Capitava, così, in quelle giornate, in piena confusione, che alzassi la voce per ristabilire un po’ di ordine (diciamo così!)

.

Strategia ovviamente fallimentare…

.

Quando lo facevo non me ne rendevo conto, ma, poi, quando ci pensavo in un secondo momento, mi sentivo malissimo e mi vergognavo di me

.

Mi sentivo un incapace, insensibile e inadeguato per quel lavoro e ci pensavo tutto il giorno

.

Se capita anche a te di alzare la voce con il tuo caro e di provare vergogna, voglio rassicurarti, dicendoti innanzitutto che succede a tantissimi familiari, non perché siano brutti e cattivi, ma perché siamo tutti esseri umani e come tale può capitare di perdere la pazienza

.

Ma mi preme soprattutto condividere con te il motivo per cui ti capita tutto questo.

.

Perché la consapevolezza è il primo passo che ti donerà la libertà di scelta, come spesso ribadisco ai miei clienti del percorso #riprenditilatuavita, attraverso cui guido le persone che si prendono cura di un ammalato a smettere di rimuginare sulla malattia e sul futuro e a ritrovare quella loro straordinaria forza per vivere pienamente la loro vita, malgrado tutto

.

Ti succede di alzare la voce e di perdere la pazienza, perché non stai dando ascolto a te stesso, alle tue emozioni: in questo caso, la rabbia

.

Quest’emozione ti sta portando solo un messaggio, del tipo

“non ce la fai più. Basta. Prenditi un attimo di pausa. Esci da quella situazione che per te è deleteria”

.

Se tu ascoltassi quel suo messaggio, invece di respingerlo e/o soffocarlo (come facevo io, ad esempio, e come fanno spesso i miei clienti del percorso #riprenditilatuavita), avresti la possibilità di comportarti in maniera più coerente con i tuoi bisogni e perciò non avresti motivo per esplodere

.

Avresti la possibilità di fermarti prima, invece di agire in un modo, di cui, poi, non sei contenta

.

Come puoi, quindi, iniziare ad ascoltare la tua rabbia?

.

Ponendo attenzione al tuo corpo, che ti darà tantissimi segnali infallibili:

  • Rossore in viso

  • Sensazioni alla pancia

  • Irrequietezza

  • Battito del cuore accelerato

  • Respiro corto

.

Solo per farti degli esempi

.

Ricorda che le tue emozioni non devono essere giudicate (positive/negative, giuste/sbagliate), ma hanno bisogno solo di essere accolte, perché non sono altro che una bussola, che dà una direzione ai tuoi pensieri e ai tuoi comportamenti

.

Da quando do ascolto alle mie emozioni, in primis la rabbia, le occasioni di perdere la pazienza sono drasticamente diminuite e quando succede (perché può succedere), invece di criticarmi e giudicarmi, cerco solo di provare gentilezza e amore verso di me, come farei con il mio migliore amico

.

Perché so che sto cercando di fare del mio meglio

.

E sono certo che anche tu fai lo stesso, ogni santo giorno

.

E tu, dai ascolto alle tue emozioni?

.

Ti aspetto nei commenti e sarò ben lieto di leggerti

.

Un caro abbraccio

.

0 visualizzazioni0 commenti
bottom of page