RICARICARE LE PROPRIE ENERGIE PER “DONARE CURA” AGLI ALTRI



“Prendersi cura degli altri è veramente difficile”.


E’ questo uno dei pensieri che mi passa nella mente più volte durante la giornata. Sento che le energie fisiche, psicologiche ed emotive necessarie per dare il meglio a coloro i quali chiedono il mio intervento sono tantissime. E di questo sono molto consapevole, anche se solo con l’esperienza e la pratica ho compreso in profondità il significato di tutto questo.


. . . . .


La sera quindi ho bisogno di fermarmi, ma non è semplice: è una lotta con la mia mente. Da una parte quest’ultima vorrebbe che facessi tante cose (leggere, studiare ecc.); dall’altra invece c’è una parte di me che mi chiede tregua e mi consiglia di fermarmi.


. . . . .


Diciamo che nella stragrande maggioranza delle volte do ascolto a quest’ultima: l’ultima ora della mia giornata, infatti, la dedico a rilassarmi, ascoltando della buona musica.


. . . . .


Mi serve per rigenerarmi e per prendermi cura di me, perché so che il giorno dopo sarà importante per i miei pazienti e i loro familiari che io abbia le energie giuste per dedicarmi a loro.


Se a fine giornata anche tu ti senti di aver dato tante energie e hai voglia di ricaricarti, scegli un’attività che possa aiutarti e ti faccia stare bene. Ti sarà utile per il giorno dopo a essere pronto/pronta a offrire le tue cure a chi ha bisogno di te.

3 visualizzazioni0 commenti