20220601_080610_04.jpg

Nel suo famoso libro "Tao Te Ching", Lao-Tzu diceva:<<Un viaggio di diecimila chilometri comincia con un singolo passo>>. Prendersi cura di un malato di demenza è un percorso molto complesso e difficile sia sul piano psicologico sia emotivo e le persone che se ne occupano spesso preferiscono riversare tutte le loro energie e le loro cure solo ed esclusivamente sull'ammalato, con profonde ripercussioni sulla loro salute e un forte impatto sulla loro vita. Se stai leggendo questa pagina, probabilmente starai vivendo un’esperienza dolorosa e difficile da gestire con le tue sole forze. Malgrado ciò, può essere il primo passo di un viaggio, che può liberarti dalle tue sofferenze emotive e che ti può aiutare a ritrovare quella forza e quel potere personale per ricominciare a vivere e a investire nei tuoi progetti malgrado le difficoltà e le dure sfide quotidiane. Il secondo passo, quindi, sarà comprendere se io posso essere la persona giusta per aiutarti. Partiamo allora insieme per capire meglio queste cose.

FACCIO PER TE SE...

 

- Ti prendi cura di un malato di demenza e ti senti logorato, perché, malgrado svariati tentativi, non riesci a ritrovare le energie e il modo per occuparti della tua vita e di te stesso/a.

- Non ti occupi ormai direttamente di un malato di demenza (perché in struttura o perché è venuto a mancare), ma i tuoi pensieri e le tue emozioni non ti danno tregua e ti sfiniscono.

- Hai difficoltà a gestire i tuoi pensieri negativi, i quali minacciano il tuo benessere e le tue relazioni e verso cui nutri sentimenti di rassegnazione, colpa e tristezza.

20220707_114206.jpg

- Hai provato a trovare una soluzione da solo o con l'aiuto di qualcun altro, ma senza avere dei risultati, aumentando la frustrazione e la sfiducia in te stesso/a.

 

- Ti senti sbagliato/a, perché, nonostante l’impegno e la dedizione quotidiana, hai difficoltà nella gestione dell’ammalato o ad entrare in relazione con lui.

- I sensi di colpa, la paura, la vergogna e la tristezza stanno logorando la tua vita e ti tolgono la gioia e la serenità.

- Senti un forte bisogno di ricominciare a vivere e investire nella tua vita nonostante le difficoltà e le sfide quotidiane.

- Sei stanco/a della situazione e senti profondamente di voler dare una svolta alla tua vita.

NON FACCIO PER TE SE... 

 
289964830_10228487313837134_457812116508598682_n.jpg

-  Non vuoi metterci impegno e lavorare quotidianamente su te stesso/a. I pensieri e le emozioni che minacciano il tuo benessere e la tua felicità hanno bisogno di determinazione e costanza per essere accettati e trasformati.

- Cerchi un percorso pronto e uguale per tutti. Ho imparato che ogni familiare ha la propria vita, fatta di svariate difficoltà e vissuti personali, e peculiari potenzialità. Pertanto, ogni percorso è cucito come un abito su misura alla persona e soprattutto NON TUTTI SONO IDONEI.


- Speri che io sia la persona che risolverà tutti i tuoi problemi. Credo, invece, che con la mia esperienza e professionalità possa aiutarti a comprendere cosa vuoi

veramente, cosa ha significato per te e condividere degli strumenti per raggiungere questi scopi. Possiamo lavorare insieme per sbloccare dei vissuti emotivi e convinzioni erronee, affinché lo sconforto e la frustrazione cedano il passo alla serenità e alla fiducia in te stesso/a. Tutto dipende dalla tue scelte e dal tuo lavoro quotidiano.

- Se speri che tutto sarà semplice. Devo essere sincero: IL PERCORSO NON E' FACILE SIA MENTALMENTE SIA EMOTIVAMENTE. Ma i risultati che si raggiungono sono sorprendenti. Per questo necessita di tutto il tuo impegno. E' stato studiato e sarà calibrato, affinché tu possa ritornare a investire nella tua vita e a sentirti protagonista e non più vittima delle varie vicissitudini quotidiane.

SU COSA LAVOREREMO INSIEME

 

Il percorso "RIPRENDITILATUAVITA" si basa su tre pilastri, che ti aiuteranno a ritrovare quella tua straordinaria forza ed energia per riprendere in mano la tua vita, malgrado tutte le sfide di ogni giorno:

 

  • SVILUPPARE IL TUO POTERE PERSONALE, PER AFFRONTARE CON DETERMINAZIONE E CORAGGIO LE SFIDE QUOTIDIANE

 

Quando ci si prende cura di un malato di demenza spesso ci si può sentire angosciati dalla malattia, confusi e in balia degli eventi, preoccupati per un futuro incerto e difficile.

Lavoreremo insieme affinché tu divenga padrone di te stesso e della tua vita, ti sentirai responsabile del tuo destino e non più vittima delle circostanze, toglierai la possibilità agli eventi esterni di condizionare la tua mente, le tue emozioni e i tuoi comportamenti.

Riuscirai ad ascoltare i tuoi bisogni più profondi, saprai porre i giusti confini tra te e gli altri e imparerai a vivere nel momento presente, senza lasciarti sommergere dalle ansie per il futuro e dalla tristezza dei ricordi passati.

In questo modo, ti sentirai più forte e capace di affrontare le sfide e le tante difficoltà quotidiane, diminuendo drasticamente l’impatto dello stress sulla tua vita.

  • SVILUPPARE LA COMPASSIONE E LA GENTILEZZA VERSO SE STESSI, PER SENTIRSI PIU’ LEGGERI ED ESSERE IN GRADO DI SUPPORTARE L’AMMALATO

La gentilezza e la compassione per se stessi racchiudono un potere immenso, capace di liberare tante energie e di regalare leggerezza alla vita, malgrado tutte le dure sfide a cui si è chiamati quotidianamente. Implicano volere la salute e il benessere per sé, spingendo a far adottare un comportamento proattivo, inteso cioè a migliorare la propria situazione piuttosto che subire passivamente le conseguenze degli eventi esterni. In questo senso, quindi, sono capacità fondamentali per sostenere la propria forza interiore, indispensabile per supportare l’ammalato e donargli cura e amore.

Imparerai, pertanto, a diventare meno autocritico e giudicante verso te stessa/o, apprezzerai tutti i tuoi aspetti e vivrai in maniera diversa i fallimenti, migliorando così il rapporto con l’ansia e imparando a gestirla. Il sistema immunitario migliorerà così come la tua salute generale e sarai in grado di regolare meglio le tue emozioni, regalandoti più leggerezza e capacità di affrontare le difficoltà quotidiane.

Infine, Imparerai a trattare te stessa/o con la stessa sensibilità, cura e amore con cui ti prendi cura dell’ammalato, sarai più attenta/o alla tua stessa sofferenza e sarai in grado di migliorare la capacità di alleviarla, donandoti quella serenità indispensabile per occuparti del tuo caro.

   

  • IMPARARE AD ACCETTARE E A LASCIAR ANDARE IL DOLORE E LA SOFFERENZA

Prendersi cura di un proprio familiare suscita nel caregiver tante emozioni, che possono essere un carico difficile da sostenere. Paura, Rabbia, Colpa, Tristezza e Vergogna sono tra le emozioni più vissute, che spesso causano un dolore emotivo a tratti insopportabile, a cui si cerca di porre rimedio evitando o reprimendo il dolore stesso.

Malgrado ciò, ogni qualvolta si evita o si reprime il dolore, anche se la sensazione più immediata può essere di “sollievo”, non si fa altro che accrescere la sua forza e sottrarre a se stessi energia e vita.

Il cambiamento avviene quando si decide di abbracciare e ascoltare quel dolore, ma anche di lasciarlo andare, liberando se stessi dal suo giogo e scoprendo i preziosi messaggi dietro alla malattia e alle sfide che essa comporta, regalandosi così la possibilità di ricominciare a vivere, nonostante tutto. 

COSA POTRAI OTTENERE DAL PERCORSO 

 

- I familiari, che ho avuto il piacere di accompagnare con questo percorso, mi hanno riferito di sentirsi più, più forti, sereni e con una certa leggerezza nel cuore.

- Ti sentirai di aver ripreso in mano la tua vita, di esserne padrone.


- Ti sentirai in grado di gestire i tuoi pensieri e di dare loro il giusto peso.

- Ti sentirai di avere più energia, sia mentale sia fisica, e di comprendere quali sono i pensieri, le emozioni e le attività che ti donano vitalità e quali invece te ne privano.

- Ti sentirai capace di accogliere il dolore e di andare oltre la sofferenza.

- Sarai in grado di superare il senso di colpa e di vivere in base ai tuoi bisogni e ai tuoi valori.

- Sarai capace di andare oltre la rabbia, la tristezza, il dolore e la colpa e di far posto al perdono e alla gratitudine.