QUANDO IL NOSTRO BENESSERE DIPENDE DALLA ATTIVITÀ CHE SCEGLIAMO DI FARE (+ UN ESERCIZIO)


Alcuni familiari mi hanno scritto che non hanno idea da dove iniziare per prendersi cura di sé e mi hanno chiesto un suggerimento. Questo post, quindi, sarà molto pratico e spero possa aiutare quanti sperimentano questa difficoltà.

. . . . .

Come faccio sempre, condivido ciò che ho sperimentato su di me e che ha aiutato anche tanti altri familiari.

. . . . .

In generale, in maniera molto semplice e intuitiva, noi siamo il frutto delle nostre abitudini: se poniamo attenzione (e già questo è un primo esercizio, di cui ho parlato in altri post), ci accorgeremo che nell’arco della giornata pensiamo/facciamo cose “ridondanti” e ripetute. La cosa molto interessante è che ci sono pensieri ed attività che arricchiscono la nostra giornata e ci danno energia (fisica, emotiva e psicologia), ma, anche attività/pensieri che ci impoveriscono e ci rubano tanta energia.

. . . . .

Il primo passo pertanto è focalizzare l’attenzione sulle attività (per quanto riguarda i pensieri ne parleremo nei post successivi) che svolgiamo quotidianamente.

. . . . . Ecco allora in cosa consiste l’esercizio:

  1. Prendere carta e penna;

  2. Dividere il foglio a metà;

  3. Su di un lato scrivere “attività che nutrono”, mentre sull’altro lato “attività che impoveriscono”;

  4. Utilizzare il “respiro consapevole” (che ho postato diversi giorni fa, oppure che trovate sulla sezione “risorse gratuite” sul mio sito) per favorire la presenza e l’ascolto profondo

  5. Compilare le due tabelle.

  6. Utilizzare nuovamente il "respiro consapevole" per far sedimentare tutto ciò vissuto/pensato durante l'esercizio.

. . . . .

E’ un esercizio molto semplice, ma allo stesso tempo potente. Questo perché ci permette attraverso la consapevolezza di non incappare negli stessi circuiti disfunzionali e di ripetere gli stessi errori, dando spazio invece a tutto ciò che favorisce il nostro benessere.

. . . . .

Per fare un esempio pratico.

Se mi rendo conto che leggere i quotidiani è un’attività che mi mette ansia e che mi porta poi ad avere un umore negativo (e tanto altro!), deciderò di evitare di fare questo per dedicarmi invece ad un’attività che mi fa stare bene e mi ricarica (es. leggere un bel romanzo oppure ascoltare musica o quant’altro. Ognuno ha le sue!).

. . . . .

Per chi si prende cura di un malato di demenza, è fondamentale preservare il proprio benessere e un piccolo passo verso questo obiettivo è incrementare le attività che ci fanno stare bene a discapito di quelle che invece di fanno stare male.

. . . . .

Sottolineo infine che affinché l’esercizio abbia i suoi effetti non è necessaria solo la consapevolezza, ma avere pazienza, costanza e dedizione nel nutrirsi di ciò che ci fa bene.

Come ci ricorda San Francesco d’Assisi:

“Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile.”

1 visualizzazione0 commenti